Fantasia, Fede, Magia sono tutt'uno (Inizio della Via Spirituale)

Cosa sono la fantasia, la fede e la magia?
Perché si vuole vedere i tre, come elementi separati o prerogativa di determinate tematiche?
Perché secondo la stragranda maggiornaza delle persone, FANTASIA - FEDE e MAGIA non hanno niente in comune?

Non farò discorsi complicati e noiosi, ma cercherò di rappresentare questi 3 concetti rispondendo ai quesiti con poche semplici righe. Naturalmente saranno trattate solo alcune delle loro sfumature, per rendere la lettura chiara e secondo la mia personale interpretazione.

LA FANTASIA: è la capacità di sognare, immaginare e rappresentare i propri "mondi", è la scintilla da cui partire per poter creare quello che si desidera.

LA FEDE: è quella forza che spinge l'uomo a superare i propri limiti, a portare avanti una causa, le proprie idee e il proprio credo . Mettere a rischio la propria vita, contro l'opinione di tutti, per seguire i propri ideali.
Spingersi dove nessuno è mai arrivato:QUESTA E' LA VERA FEDE

L'errore più grande che si può fare è pensare di legare il concetto di fede solo alla religione (cristiana, ebraica... per i più). La fede non è solo spirituale. Tutti i giorni noi crediamo in qualcuno, speriamo "che Dio c'è la mandi buona", speriamo di vincere al superenalotto. Tutte queste sono forme di fede, anche se basate su scarse convinzioni, pseudo speranze di ottenere qualcosa. Convizioni - speranze corrose da inutili dubbi, determinati da desideri considerati irrealizzabili o lontani dalla nostra realtà di normale casalinga, operaio, librero professionista...tutti questi sogni repressi si trasformeranno in frustrazioni e sofferenza. Pensare di non essere in grado è il pensiero distruttore, distrugge la fede e la considerazione in noi stessi.. Non ci deve essere la debole speranza, ma la convinzione di ottenere ciò che si vuole in un modo o nell'altro e quindi raggiungere la nostra meta, il nostro sogno:QUESTA E' LA VERA FEDE

Sento sempre dire "La fede è ceca"! NO! La fede non deve essere ceca ed ottusa! Non bisogna intestardirsi per timore di sbagliare nel seguire nuove strade o perché ce lo dice qualcuno. Se percepiamo in noi stessi che siamo in errore, non dobbiamo avere paura di ammettere i nostri sbagli, per orgoglio o per una possibile brutta figura, non importa. Siamo noi a determinare il giusto e il sbagliato per la nostra vita. Ci sentiamo dire "Sbagliando si impara", non è una frase di circostanza , non ditela soltano, CREDETECI! Diventerete migliori e potrete evitare lo stesso errore a voi e ai vostri affetti.
Basta demoralizzarsi!
Noi siamo portati anche in questo caso, dal comune senso della società , a vedere l'errore, lo sbaglio come qualcosa di orribile, negativo, quindi saremo tristi depressi per quanto abbiamo fatto, come vogliono gli altri. E' una c.....a!!!
D'ora in poi voi non commetterete più sbagli ma ESPERIENZE PER MIGLIORARE.
Ogni vostro errore-esperienza vi insegnera un qualcosa utile per tutta la vita.
Iniziate a riflettere, siete voi a determinare come interpretare ciò che vi è accaduto, fare il bello o il cattivo tempo nel vostro cuore. Se decidete di subire l'esperienza-errore allora sarete alla merce di pensieri negativi. Provate ad essere attivi,ottimisti dalle piccole cose e in quello che vi accade, non è difficile basta volerlo. Cercate di capire il perché di quanto vi è accaduto, consideratelo una prova e superatela. Ce la potete fare tranquillamente. Anche se al primo colpo non ci riuscite non importa, in cuor' vostro sapete di aver fatto tutto quello che, in quel momento, era in vostro potere e vi siete avvicinati un pochino di più alla meta.

Ricordatevi NOI SIAMO IL NOSTRO CENTRO

Con la determinazione, la perseveranza, è possibile superare qualunque ostacolo .
Iniziate a ragionare su quanti condizionamenti avete subito e tutt'oggi le cose non sono cambiate.Credere in voi stessi:QUESTA E' LA VERA FEDE
("Condizionameti - limiti della psiche preimposti ed effetti sul nostro percorso magico e spirituale" sarà un argomento che tratteremo nei prossimi articoli)

Invece se decidete di non valutare le conseguenze delle vostre azioni, in qualunque ambito, e volete usare la fede come pretesto per fare del male, allora siete senza speranza.

LA MAGIA: Che cos'è la magia ?

"Magia è la proiezione delle energie naturali per produrre gli effetti desiderati"
(Scott Cunningham)

E' una delle definizioni più chiare e raffinate.

"Ciò che chiamo Magia è lo studio della scienza della felicità, intendo quest'ultima parola nel senso che ha per voi felicità..."
(G.Muchery)

Molto semplice ma altrettanto piacevole.

"La Magia è la disciplina che permette di produrre effetti sul reale senza la partecipazione di nessi fisici di causa-effetto; la magia è la conoscenza, che ne implica capacità d'uso, delle leggi più profonde della natura, da quelle indagate dalla scienza a quelle che questa non arriva a codificare; la magia è la capacità di cogliere manifestazione degli equilibri divini in qualunque gesto, evento, creatura, e in ognuno di questi scoprire il microcosmo organizzato per risalire al macrocosmo"
(Gianfranco Mancardi)

Mancardi con poche righe coglie quasi tutte le sfaccettature del concetto di magia.
Mi raccomando, non limitatevi a leggere quanto qui vi ho offerto ma approfondite, sperimentate, senza timore. Anche in questo caso non fate l'errore di considerare la magia come un qualcosa di lontano o legata pochi eletti. Tutti siamo dentro la magia, ne siamo impregnati, solo pochi se ne rendono conto. Come per la fede, la magia non è solo un'elemento della nostra vita spiritule ma è presente sempre, anche nelle piccole cose: quando sentiamo una canzone che amiamo, dentro di noi esplode una sensazione coinvolgente, tutto il nostro essere è in un nuovo stato, ci sentiamo meglio e più vivi. Secondo voi, quella musica non è una "piccola" magia?

Ho usato alcune delle definizioni che preferisco per dare una prima visione di cosa può essere la magia, senza avere l'arroganza di appiattire un tema tanto vasto, ma per pura chiarezza.
Deliberatamente non ho voluto darvi la mia definizione di magia . In un prossimo articolo, dedicoto solo ad essa, ne parleremo in modo approfondito per eliminare i principali dubbi, sopratutto di chi è agli inizi ed è disorientato dalla gigantesca mole di informazioni di cui dispone su questo argomento.

Perchè sono tutt'uno?
Fantasia, Fede, Magia, non è un caso la loro successione.
Sono tre fasi-stadi, la cui successione, permettono di realizzare ogni cosa, sia nella vita di tutti i giorni che in quella spirituale:

Nella via spirituale vi saranno più familiari questi termini

VISUALIZZAZIONE - CONCENTRAZIONE - AZIONE MAGICA

Nella vita di tutti i giorni possiamo usare questi termini

DESIDERIO (organizzazione, obbiettivo) - STRATEGIA - AZIONE

Semplice no? Sono esattamente la stessa cosa, solo chiamate in modo differente e applicati in ambiti diversi. Sicuramente qualcuno avrà gia fatto queste riflessioni, però non riesce ancora a capire dove voglio arrivare. Continuate a leggere e lo scoprirete.

Nelle righe precedenti vi ho fatto notare quanto la fantasia, la fede, la magia siano importanti e possono essere dinamici rispetto al normale intendimento. Quanto questi elementi base, sono presenti nella vita di tutti giorni. Grazie a concetti così semplici, ci si rende conto quanto il passo sia breve per entrare cosciententemente nel mondo "magico".

Visione distorta e pregiudizi
Vi è mai capitato di spiegare le vostre idee, il vostro credo alle persone? O il solo aver mostrato interesse su questi temi?
Le loro reazioni possono essere di tre tipi: interesse; derisione (se sono amici o familiari vi chiedono se vi siete o siete fumati qualcosa); o addirittura si alterano come se avessi bestemmiato o ucciso qualcuno. Personalmente mi sono accadute tutte e tre. Le reazioni più forti le ho avute, non da cattolici o praticanti di altri culti, i quali stranamente si sono confrontati. Mi hanno insegnato a comprendere il loro pensiero, anche se non lo condivido, ma da chi si definiva non praticante o ateo! I cosidetti benpensanti - materialisti, che,teoricamente, non si fanno influenzare da questi argomenti.
Vi assicuro, tutto ciò è strano, essere "marchiato", osteggiato con odio da chi si professa neutro. Il brutto è quando trovi queste stesse persone in TV, forum, blog che sparano a zero su argomenti che non conoscono o non vivono direttamente, dando man forte ai classici "veri religiosi" i quali determinano che la loro è l'unica religione.

Il loro discorso è più o meno questo "Chi si avvicina alla sfera magico - esoterica o cerca delle risposte in nuove religioni pseudo magiche, sono delle persone con problemi e megalomani, non capaci a distinguere la realta dalle fantasie" insomma dei deficenti da compatire. Dopo questa classica prima introduzione, iniziano a sputare sentenze sui motivi delle nostre scelte, fanno accostamenti assurdi, con religioni sciamaniche e sette sataniche. Affermano che siamo una generazione debole e facilmente influenzabile, per cui è indispensabile prendere dei forti provvedimenti, verso tutti questi nuovi culti per tutelarci.

Vi ho fatto un piccolo riassunto di quanto mi è capitato di assistere: come al solito fanno di tutti i culti-filosofie un fascio, senza distinguere i tempi di riferimento, gli eventi ed epoche in cui si sono evoluti e senza nessuna cura di approfondire i precetti su cui sono fondati. E' abbastanza realistico il discorso della generazione debole, purtroppo ci sono molte persone non hanno carattere e hanno problemi che soli non riescono a superare, non per incapacità ma per condizionamento. Stranamente chi ci accusa è colui che prima di noi ha creato queste condizioni di repressione sociale e spirituale.

Il finto perbenismo, è il cancro della nostra società. Gli elementi deboli, soli, pur di farsi accettare, farsi vedere dalla gente secondo i canoni preimposti, sono disposti a tutto. Reprimere la propria essenza di esseri unici è il primo passo, adeguarsi alle idee altrui, ripetendo a se stessi di essere nel giusto perché è così per tutti è il secondo. Chi ci vuole controllare si affida propio a questa debolezza e perbenismo subdolo. Io lo definisco "EFFETTO CAPRA" Termine un po' rozzo, ma rende sicuramente l'idea.

Ora tanti si stanno svegliando, stanno spingendo e cercando delle nuove possibilità. Il guinzaglio si sta allentando, gli anelli della catena si stanno per spezzare.

Chi è ancora sotto controllo non vuole cambiare. Nell'indole attuale dell'uomo c'è l'istinto di distruggere tutto ciò che non rientra nella loro visione, eliminare ciò che potrebbe essere pericoloso o potrebbe ledere le loro abitudini, anche se abominevoli e sbagliate. Chi denigra le persone in cerca di nuove risposte è da compatire, dorme. E' come un bimbo attaccato al seno della mamma, la cui sicurezza viene dalla normalità. Qualunque elemento che tenta di rompere questi legami è da considerarsi mistificatore, appartenente al male, alla falsità e quindi da reprimere senza pietà.

Il Risveglio

E' ora d'impegnarsi, di crescere, di svegliarsi.

L'uomo, tecnologicamente, materialmente si è evoluto straordinoriamente, precorrendo i tempi. Non sembra, il livello tecnologico è molto elevato: teletrasporto, energia fredda, viaggi planetari, non sono più icone da fumetto, sono qui ora. Il limite nel utilizzarle non sono i mezzi, ma l'incognita delle possibili ripercussioni a livello mondiale. Uno degli esempi più chiari è la questione petrolio. Il sistema per diminuirne il consumo o sostituirlo c'è: olio di colzac in primis per fare un passaggio graduale; idrogeno per sostituirlo. Secondo voi persone che guadagnano miliardi di euro sono disposti a rinunciarvi per il bene comune, poi gli effetti sull'economia mondiale quali sarebbero.

L'uomo, spiritualmente, che evoluzione ha avuto?

Non parlo di appartenere a uno od altro credo, ma il nostro rapporto,con le forze divine rispetto a migliaia di anni fa , è cambiato? Non so quanti di voi saprebbero rispondere, lo farò io per voi. NO! Non è cambiato.Vi è solo qualche eccezione che inevitabilmente veniva repressa o si è dovuta nascondere. Gli sviluppi fatti sono giunti a noi solo frammentati, sotto forma di tradizioni,canzoni, libri, criptati per i non iniziati. Un caso a se sono le filosofie-magico orientali, per fortuna, sono giunte quasi intatte, ma da anni hanno subito un arresto nella loro evoluzione, inoltre la differenza culturale non ci ha permesso di apprendere appieno i loro segreti. L'unico modo per carpirne l'essenza e studiare la loro cultura e lingua altrimenti si è tagliari fuori, anche se leggiamo i loro libri tradotti vi assicuro che è totalmente diverso.

Tutto ciò non vi lascia perplessi, non è orribile, per secoli la nostra anima è stata limitata, tutto è rimasto com'era, a causa di chi? o di cosa?
La paura. La paura di cambiare, di percorrere nuovi territori, la paura nel credere in più realtà (frequenze), in più forme di vita non comuni.

Sta cambiando, la "libera" informazione, e minori repressioni hanno contribuito, ma il maggiore artefice è internet, che ha permesso alle persone di unirsi, condividere i propri interessi ed esperienze.

Questo è il principio. Non sentirsi più soli e finalmente crescere, evolversi spiritualmente, credere in ciò che si sente nel profondo :
una voce, una sensazione di calore amorevole nel cuore, un energia espolosiva, un istinto a porsi nuove domande. Per ogni uno è stato diverso il risveglio. Non ha importanza purché non ci si fermi per PAURA....

Non arrendetevi!
Non permettete a niente e nessuno di tarparvi le ali! E' giusto ascoltare e valutare i pensieri di tutti, ma nessuno può prendere le decisioni per voi, nessuno, non esiste giusto o sbagliato assoluto, bene o male assoluto, solo quanto siamo disposti a dare ed impegnarci.
Che sia chiaro, non sto dicendo di andare allo sbaraglio e fare cose sconsiderate, a spese di altri, pur di raggiungere il nostro obbiettivo! Ma di considerare, che le nostre azioni comportano delle inevitabili reazioni, quindi essere in grado di valutare tali reazioni.

I due piccoli accorgimenti, regole, che seguiranno le ritroviamo in molti testi di magia, applicandole, potremmo pian piano riprendere in mano le redini della nostra esistenza, strutturandola secondo le nostre esigenze. Se venissero prese a modello da tutti, il mondo sarebbe un posto migliore.

La mia libertà finisce dove inizia quella degli altri
La stessa regola secondo il credo wicca del Rede
Fa ciò che vuoi finché non nuoce a nessuno / Se non offende nessuno fa ciò che vuoi

A ogni azione c'è una reazione
Secondo il credo wicca è come segue con la Legge del Tre
Il bene o il male che fai ti tornerà per tre

Quest'ultimo può tranquillamente essere ricondotto all'antico aforisma di Ermete Trismegisto, che per tanti è stato il principio della magia.

Ciò che sta in alto è come ciò che sta in basso
ciò che sta in basso è come ciò che sta in alto.

(nota questo non vuole essere uno spot per la Wicca, come gia detto non sono un wiccan ma apprezzo molte delle loro impostazioni, sopratutto la semplicità, la dolcezza, le parole con cui vengono esposte le varie tematiche. Per questo molte volte faro riferimento al loro bellissimo credo)

Spero di non aver offeso nessuno. Questo è il mio pensiero, dettato dalla mie esperienze.
C'è ancora molto da dire, ma se si usano troppe parole per un argomento, invece di charirlo lo si annacqua ed è comprensibile a pochi. E', invece, mia intenzione essere compreso da tutti, senza l'esigenza di avere particolari conoscenze, almeno per ora.
Vi ho dato degli spunti su cui ragionare, dovrete farvi una vostra personale idea, positiva o negativa che sia non mi interessa purché sia solo vostra e non dettata dal "CANCRO"(falso perbenismo).

Tratto dal mio diario personale


Giò
©Copyright



Dalla Chiesa alla Wicca

Vuoi proporre un tuo articolo o segnalarne, scrivi a info@annalastrega.it

Non ci sono link

Vuoi segnalarne uno scrivici o usa il nostro modulo

©Copyright 2008

Il Gazzettino della Magia

Anna la strega la prima vera cartomante online

home Il Gazzettino della Magia                
 
fantasia - fede - magia  
  Con la determinazione, la perseveranza, è possibile superare qualunque ostacolo .
Iniziate a ragionare su quanti condizionamenti avete subito e tutt'oggi le cose non sono cambiate.
Credere in voi stessi:
QUESTA E' LA VERA FEDE