SCIAMANO CONTRO RADAR: 1 a 0 per lo sciamano!

IL FATTO
Aereo scomparso, stregoni in aiuto 5/1/2007
Indonesia, a bordo Boeing 102 persone

Da cinque giorni non si hanno più notizie del Boeing 737 scomparso in Indonesia con 102 persone a bordo. Per questo motivo i soccorritori, dopo aver utilizzato tutta la tecnologia a loro disposizione per localizzare il velivolo, si sono rivolti a due stregoni. Non solo: prima di riprendere le operazioni di ricerca, i militari e i soccorritori hanno anche sacrificato un bufalo per "preparare il terreno".
Guidate da due sciamani, Siti Salma e Raupung, le squadre di soccorso hanno anche offerto preghiere agli antenati del villaggio e agli spiriti della foresta.
"Quando si arriva in un posto nuovo, bisogna salutare gli spiriti", ha spiegato alla France Presse Zakariya, comandante militare di Marjene. "Potete vedere che, utilizzando mezzi molto perfezionati e con l'assistenza di Singapore, non abbiamo ancora trovato nulla. Ricorriamo dunque a una misura alternativa, la maniera locale di fare le cose", ha aggiunto.
Ma i metodi "scientifici" non si fermano qui. Diversi veggenti sono stati consultati dalla stampa popolare indonesiana sulla scomparsa del Boeing della compagnia Adam Air. Per alcuni il disastro potrebbe essere attribuito a uno spirito maligno.
Fonte TGcom

- Abbiamo voluto riportare il testo integrale in modo da accendere la vostra curiosità e proporvi un momento di riflessione sul – possibile/impossibile -. Seguono articoli che ricostruiscono la cronologia dei fatti. Guardate e memorizzate le date. –



L’ANTEFATTO
Indonesia, Sos da aereo scomparso 1/1/2007
Inviato prima di perdere contatto radio

Prima di perdere ogni contatto radio, il pilota dal Boeing della Adam Air decollato da Giava ha lanciato un Sos. La notizia è stata diffusa da un portavoce della compagnia aerea. "Speriamo che l'aereo sia riuscito a effettuare un atterraggio di emergenza", ha detto il ministro dei trasporti indonesiano, Hatta Radjasa. Squadre di soccorso sono state inviate nella zona centrale dell'isola di Sulawesi.

Indonesia, aereo forse precipitato 1/1/2007
Ministro: "Disastro molto probabile"

Il Boeing 737-400 della Adam Air scomparso sopra i cieli tra le isole indonesiane di Giava e Sulawesi potrebbe essere precipitato. Secondo il ministro dei trasporti indonesiano, Hatta Radjasa, gli esperti della compagnia aerea considerano infatti "molto probabile" l'ipotesi di un tragico incidente. L'aereo sarebbe caduto nei pressi di Mamuju, nella provincia di Sulawesi Sud. Avviate le operazioni di salvataggio.
Non è chiaro se l'impatto possa essere avvenuto a terra o in mare. Le autorità indonesiane hanno contattato la Marina per eventuali operazioni di salvataggio, dopo aver inviato squadre di soccorso nella zona centrale dell'isola di Sulawesi, da cui il pilota del Boeing ha inviato il segnale di pericolo prima di perdere ogni contatto radio. "Speriamo che l'aereo sia riuscito a effettuare un atterraggio di emergenza", aveva detto in precedenza il ministro alla radio El-Shinta, ma le speranze degli esperti sembrano ora molto ridotte.
L'aereo era partito alle 13 ora locale (7 in Italia) da Surabaya, nell'isola di Giava, e avrebbe dovuto atterrare alle 15 a Sulawesi, nella zona nord-est dell'Indonesia. A bordo si trovano 96 passeggeri, tra cui 11 bambini, e sei membri dell'equipaggio. Un controllore di volo ha riferito di "pessime" condizioni meteorologiche incontrate dal velivolo, che aveva carburante sufficiente per sole quattro ore di volo.

Indonesia: aereo caduto, 90 morti 2/1/2007
Trovati i rottami, 12 i superstiti

Sono novanta i morti nello schianto del Boeing 737 della compagnia Adam Air, con 102 persone a bordo, scomparso dai radar e i cui rottami sono stati ritrovati oggi sui monti dell'isola indonesiana di Sulawesi. Lo ha riferito un portavoce della compagnia aerea. Le autorità, intervenute sul posto, hanno trasferito i dodici superstiti a Makassar, la capitale della provincia meridionale di Sulawesi.
Tra le 90 vittime del disastro ci sono anche tre americani, come confermato dall'ambasciata degli Stati Uniti a Giacarta. Il Boeing 737-400 effettuava un volo tra le isole indonesiane di Giava e di Sulawesi quando il segnale è scomparso dai radar a causa del cattivo tempo dopo un ultimo messaggio radio preoccupante.

I resti del Boeing - sparito dai radar un'ora dopo il decollo dall'aeroporto di Surabaya - sono stati localizzati tra le montagne a circa 20 chilometri dalla città di Polewali. Nella zona, al momento della scomparsa dell'aereo, infuriava una tempesta.

I soccorsi sono resi più complicati dal fatto che il luogo del disastro può essere raggiunto solo dopo cinque ore di guida attraverso la giungla e che persino individuare i resti dell'aereo è stato difficile in mezzo alla fitta vegetazione. E' stata inviata anche una squadra di esperti che dovrà recuperare le scatole nere.

Il 737 precipitato era in servizio da diciassette anni, trasportava 96 passeggeri - tra cui undici bambini - e sei membri d'equipaggio. La compagnia indonesiana Adam Air è in servizio in Indonesia da diversi anni, in rotte principalmente interne. L'anno scorso uno dei suoi aerei ha perso il contatto per quattro ore, poi ha compiuto un atterraggio d'emergenza con tutti i sistemi di navigazione bloccati. Secondo il ministero dei Trasporti, l'ultimo controllo all'aereo precipitato risaliva al dicembre del 2005: costruito 17 anni fa, aveva accumulato 45.371 ore di volo.
Fonte TGcom

- Da notare che l’ultima notizia dei resti e dei superstiti ritrovati sulle montagne dell’isola risulterà infondata.
Ma ora prestate attenzione alla notizia che segue …




Aereo scomparso: avvistati detriti 8/1/2007
Indonesia, forse sono del Boeing 737

Nuovo capitolo del giallo dell'aereo precipitato e scomparso in Indonesia. Sono stati avvistati, in un raggio di alcuni chilometri sulle acque dell'oceano, alcuni pezzi di metallo che potrebbero appartenere al Boeing 737 con 103 persone a bordo. "Se quei resti di metallo dovessero essere davvero ciò che stiamo cercando - ha detto il comandante della nave che sta effettuando le ricerche - allora ringraziamo Dio".
Prima del ritrovamento dei detriti, i soccorritori avevano tentato di tutto: dall'aiuto di due stregoni al sacrificio di un bufalo, offrendo preghiere agli antenati del villaggio e agli spiriti della foresta. Molti - secondo la stampa locoale - credono che l'incidente possa essere causato da uno spirito maligno.
Il 737 precipitato era in servizio da diciassette anni, trasportava 103 persone tra passeggeri - tra cui undici bambini - e membri d'equipaggio. La compagnia indonesiana Adam Air è in servizio in Indonesia da diversi anni, in rotte principalmente interne.
Fonte TGcom
Rivediamo i fatti:
giorno 1 gennaio l’aereo lancia un sos e scompare dai radar.
Lo stesso giorno e seguenti, vengono utilizzati mezzi sofisticatissimi e uomini addestrati per le ricerche in gran numero.
Per 5 giorni il vasto dispiegamento di forze e mezzi non porta a nulla.
Giorno 5 gennaio vengono chiamati gli stregoni e si chiede aiuto agli spiriti del luogo.
Giorno 8 gennaio vengono avvistati dei resti in mare riconducibili all’aereo scomparso

Per dovere di cronaca vi diciamo che non sono ancora stati esaminati i reperti e non sono stati rinvenuti, vivi o morti, i passeggeri.
Ciò che ci ha incuriosito è il fatto che anche un uomo di legge, razionale ed obiettivo, non avendo avuto riscontri con i mezzi tradizionali, si sia affidato allo sciamano. Lo stesso comandate parla di spiriti, spiega il rituale del sacrificio per favorire il passaggio degli uomini in terra sacra.

Il seguente (presunto) ritrovamento di resti dell’aereo passa in secondo piano.
Il filo che unisce il mondo degli spiriti all’uomo non si è mai spezzato. Scienza e tecnologia non sono riusciti a sradicare il potere acquisito dalla Magia in due millenni. Molte volte ho seguito in televisione alcuni servizi sulla Magia, essoterismo, mondo dell’occulto,… e devo dire che, in più occasioni, le inchieste si riducevano all’invito di personaggi poco credibili, ma molto coreografici, nelle vesti e nei modi di esprimersi. Gli interventi si riducevano a farsa e soggetti a facile ironia, molto lontani dall’ essere utili al telespettatore; il tutto a favore degli indici di ascolto, ma a discapito di una corretta informazione.

Alcuni conduttori hanno indossato vesti di giudici ricusando qualsiasi teoria o testimonianza che avvalori l’esistenza di poteri e fenomeni “Extra”. Il passato ha insegnato poco all’uomo, la memoria vacilla come le buone intenzioni. Quante volte, in questi secoli, grandi scienziati, medici, astronomi, archeologi,… hanno dovuto rivedere le loro presunte Certezze, per ricredersi di fronte a scoperte che hanno demolito le loro teorie? Eppure, messi davanti all’ignoto, fenomeni o cose non conosciuti, ripetono gli stessi errori del passato, escludendo qualsiasi nuova possibile verità. L’arroganza umana di voler avere sotto controllo l’Universo non ha limiti. Ma per la legge degli equilibri, ogni tanto accade qualcosa, per cui l’Uomo deve retrocedere nella sua superbia, assistendo a fenomeni che lo riportano alle sue dimensioni, di granello di sabbia disperso nell’Infinito Cosmo.

L’articolo è un pretesto per indurre a riflettere chi ha ancora voglia di concepire un PENSIERO LIBERO!



Indonesia, in mare resti aereo 11/1/2007
Velivolo precipitato con 102 passeggeri

Sono stati trovati in mare vicino alla costa dell'isola di Sulawesi (Celebes) frammenti del Boeing 737 della compagnia indonesiana Adam Air con 102 persone a bordo. Trovato anche il corpo di una donna. Lo ha riferito il comandante della base aerea di Makassar. La scomparsa dell'aereo della compagnia low cost, che faceva rotta tra due isole indonesiane, dal primo gennaio sembrava avvolta nel mistero.
"Una parte dell'aereo è stata ritrovata. Si tratta dell'alettone di coda, recante la matricola 65c25746-76" ha riferito Eddy Suyanto, comandante della base aerea di Makassar, precisando che il rinvenimento era stato fatto da un pescatore "otto chilometri a sud di Pare Pare, a 300 metri dalla spiaggia". Un funzionario di polizia di Pare Pare ha aggiunto: "Abbiamo trovato un corpo di donna dalla tipica carnagione scura degli asiatici".

L'aereo di linea era partito un minuto prima delle 13:00 ora locale da Surabaya, nell'isola di Giava, con destinazione Manado, nell'isola di Sulawesi: a bordo c'erano sei membri dell'equipaggio e 96 passeggeri di cui 85 adulti, 11 bambini e quattro neonati. Aveva carburante per quattro ore di volo. Poco dopo le 14 aveva lanciato una richiesta di soccorso e poi era scomparso dai radar. Nei giorni successivi era stato un alternarsi di notizie e smentite sul suo ritrovamento in una zona montagnosa e sulla presenza di un discreto numero di superstiti che aveva aperto un vero giallo.
Fonte TGcom



Avevamo appena concluso l’articolo quando abbiamo appreso questa notizia, che purtroppo chiude tragicamente la storia dell’aereo scomparso.
Chi abbia favorito realmente il ritrovamento dei resti non possiamo affermarlo, ci siamo limitati a riportarvi i fatti. A voi le conclusioni.

Non ci sono articoli

Vuoi proporre un tuo articolo o segnalarne, scrivi a info@annalastrega.it

Non ci sono link

Vuoi segnalarne uno scrivici o usa il nostro modulo

©Copyright 2008

Il Gazzettino della Magia

Anna la strega la prima vera cartomante online

home Il Gazzettino della Magia                
 
SCIAMANO CONTRO RADAR  
  Prima del ritrovamento dei detriti, i soccorritori avevano tentato di tutto: dall'aiuto di due stregoni al sacrificio di un bufalo, offrendo preghiere agli antenati del villaggio e agli spiriti della foresta. Molti - secondo la stampa locoale - credono che l'incidente possa essere causato da uno spirito maligno.